Il Tipo Linguistico Italiano

A tutti i livelli dell’analisi linguistica, dalla fonetica alla fonologia, dalla morfologia alla sintassi, al lessico … l’italiano presenta alcune caratteristiche proprie, che consentono di individuarlo rispetto alle altre lingue romanze e non romanze, e che nel loro complesso costituiscono il « tipo linguistico italiano ».

Tra le caratteristiche principali, segnaliamo brevemente :

– l’importanza delle vocali nella struttura sillabica italiana e, in particolare, la pressoché generale terminazione delle parole in vocale;

– la libertà di posizione dell’accento tonico e al tempo stesso la frequenza delle parole accentate sulla penultima sillaba.

– la possibilità di esprimere i concetti di grandezza, piccolezza, ecc. attraverso il meccanismo dell’alterazione, aggiungendo cioè a nomi (e aggettivi) suffissi diminutivi, vezzeggiativi, accrescitivi, ecc., come –ino/-a,-etto/-a, -one/-a, ecc. 

– la formazione delle parole anche attraverso la composizione di nome+aggettivo (cassaforte) nome +nome (cassapanca) e verbo+nome (cavatappi).

– la non obbligatoria espressione del prenome personale (mangio e non necessariamente io mangio)

– la relative libertà dell’ordine delle parole all’interno della frase (Giovanni ha parlato oppure Ha parlato Giovanni).

 

Tratto da L’italiano contemporaneo di Paolo Achille

Partagez la balade...
Share on FacebookShare on TumblrTweet about this on TwitterEmail this to someonePin on PinterestShare on LinkedInShare on Google+